+393884247489 [email protected]

Basta guardarsi intorno per capire come i social media stiano cambiando il modo di fare marketing, in Italia e nel mondo. Non si tratta solo di modi di passare il proprio tempo libero, ma di veri e propri strumenti per avvicinare le persone al brand, all’azienda: vediamo come possono aiutare la tua attività e quali sono le figure principali di questo settore.

 

Social media per aziende: 6 motivi per cui devi esserci

 

illustrazione di una mano che clicca sulle icone dei social network su di un cellulare“Approfittare” dei social media come integrazione della tua strategia di marketing è un passo assolutamente irrinunciabile, non importa quale sia il tuo settore di appartenenza; può esserci un canale più adatto di altri per arrivare a comunicare al tuo target (Facebook invece di LinkedIn, YouTube invece di Instagram), ma esserci è davvero imprescindibile per ogni azienda che voglia stare al passo coi tempi e migliorare i propri risultati.

Quali sono le utilità del social media marketing per fare impresa oggi? Vediamone alcune insieme.

  1. Fatti conoscere. I social sono un luogo economico in cui investire e molto frequentato (anche dai tuoi clienti o potenziali tali): immaginali come una piazza virtuale in cui esporre i tuoi prodotti o servizi, ma, prima ancora, far parlare di te. Grazie a una presenza qui, potrai aumentare la consapevolezza del marchio: basti pensare che circa il 60% delle persone afferma di scoprire nuovi prodotti su Instagram ogni giorno. Un esempio? Absolut Vodka ha condotto una campagna Instagram per promuovere la sua bottiglia di Spark in edizione limitata, aumentando di cinque punti la consapevolezza del marchio.
  2. Porta traffico al tuo sito. Condividendo contenuti di valore nei tuoi post e collegandoli al tuo blog o sito aziendale, avrai un ritorno in visite e inizierai a farti conoscere dagli utenti davvero interessati a ciò che hai da offrire. E questo ci porta direttamente al punto successivo.
  3. Diventa un leader di settore. Per “settore” non intendiamo l’intera fetta di mercato, ma una piccola nicchia, un topic, la caratteristica che fa del tuo prodotto un modello unico nel suo genere. Sicuramente la tua azienda è molto più competente di altre in almeno un aspetto: trovalo e rendilo visibile a tutti in modo da aumentare la fiducia che le persone hanno nel tuo marchio.
  4. Aumenta le vendite. Questo potrebbe sembrarti l’obiettivo principale per la tua azienda e forse lo è, ma solitamente non avviene nell’immediato. Dovrai costruire la tua autorevolezza sui social insieme a un vero professionista del settore e poi potrai vedere i risultati anche in termini di fatturato: provare per credere. I social possono diventare una vera e propria vetrina per i tuoi prodotti e aiutare gli utenti a trovare più facilmente ciò che cercano.
  5. Gestisci il servizio clienti. Tramite i social media puoi creare un vero e proprio servizio di assistenza per rispondere alle domande, gestire problematiche, scoprire cosa pensa il pubblico della tua azienda. Consideralo anche un modo per tagliare i costi.
  6. Avvicinati alle persone. Rendi più umano il tuo marchio facendo delle piccole dimostrazioni in cui mantieni le tue promesse: mostrando coerenza, serietà e qualità darai un segnale pubblico molto forte che vale ancor più di intere campagne marketing. Si tratta di momenti di relazione in cui le persone imparano a conoscere davvero la tua attività e a ripagarti con la famosa riprova sociale, cioè contribuendo alla tua reputazione in modo positivo tramite il passaparola.

 

Il social media manager: ruoli e competenze

 

Illustrazione raffigurante un social media manager Le due figure principali che possono supportare la tua azienda e aiutarla a districarsi tra post, commenti, KPI e strategie, sono il social media manager e il social media advertiser: vediamo insieme quali sono i loro ruoli.

Il social media manager è considerato una figura a 360 gradi che, all’occorrenza, può occuparsi anche di advertising, ma questa non è la sua attività core. Si tratta di una persona, interna o esterna all’azienda, che ne cura la presenza sui social e gestisce le piattaforme. Per semplificare molto la sua attività, possiamo dire che parte dallo studio dell’azienda, della sua situazione, dei competitor e dei suoi obiettivi, per raggiungerli con una strategia ad hoc. Il vero social manager sa anche riconoscere quali obiettivi non sono realistici nell’immediato ed è in grado di consigliare una scaletta da seguire per arrivare gradualmente alla vetta. Insomma, ha una visione di insieme.

Partendo dagli obiettivi, questa figura definisce con cura e anticipo un piano editoriale personalizzato in cui inserisce tutti i contenuti da pubblicare sui vari social mese per mese: per farlo, studia attentamente quella che è la audience target dell’azienda, quali sono gli interessi principali, qual è il tono di voce da mantenere, quali contenuti risultano più accattivanti e quali possono generare interazioni (engagement) tra il pubblico. Nel definire una strategia, terrà ovviamente conto del budget e di come allocarlo sulle varie campagne.

Dopo aver definito i temi e il calendario, può decidere ovviamente di avvalersi della collaborazione di altre figure specializzate nella produzione di contenuti, ovvero copywriter per i testi, graphic designer per le immagini, fotografi per eventuali shooting, tecnici per il montaggio di video, eccetera. Naturalmente tutto dipende dal budget che l’azienda ha a disposizione, ma per alcune campagne più importanti è essenziale avvalersi di figure che sappiano valorizzare e rendere professionale la presentazione di prodotti o servizi. Non dimenticare che il livello dei contenuti sui social media è notevolmente aumentato negli ultimi anni e gli utenti sono abituati a standard sempre più elevati.

Per la pianificazione dei contenuti, il social media manager potrà anche utilizzare piattaforme di programmazione e altri tool, ma prima di tutto dovrà avere un’ottima conoscenza dei canali sui quali opera, sapere monitorare, gestire la reputazione del brand nel rapportarsi con gli utenti ed intervenire all’occorrenza con competenza e professionalità. Sta a questa figura organizzare eventuali corsi, interventi video e collaborazioni con influencer.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo del digital marketing? Iscriviti alla newsletter

 

Il social media advertiser: la risorsa dei numeri

 

Illustrazione di una pubblicità che attira interazioni sui social networkIl termine ADV indica la “pubblicità”, ovvero i post sponsorizzati che troviamo sui vari canali, da Instagram a Facebook. Questi messaggi pubblicitari servono appunto a comunicare al target il lancio di un nuovo prodotto, una promozione in corso, informazioni sul brand o servire da semplice aggancio per spingere l’utente a visualizzare la pagina e a creare un contatto.

L’advertiser si occupa di studiare e sfruttare quelle che sono le informazioni demografiche degli utenti per mostrare loro esattamente quello che desiderano: l’inserzionista quindi deciderà come distribuire il budget in base a campagne molto più mirate, ottimizzandolo in modo corretto. Se la tua azienda, per esempio, non ha un ecommerce e agisce solo a livello locale o provinciale, sarà del tutto inutile investire in campagne social che si spingono fino a residenti in regioni italiane lontane dalla tua. Anche i comportamenti online sono preziosi per capire come creare una buona strategia di social media advertising.

Il professionista giusto saprà suddividere il tuo budget tra i social più adatti e trasformare gli obiettivi della tua azienda in obiettivi algoritmi, basati cioè sul tipo di canale. L’advertiser saprà anche consigliarti su quale step di acquisto focalizzarti in base al tuo prodotto o servizio, spiegandoti che i social come Facebook e Instagram sono perfetti per i piccoli acquisti d’impulso, ma non adatti a beni molto costosi che richiedono strategie più lunghe: in quest’ultimo caso, meglio concentrarsi su altri obiettivi come il contatto, la fidelizzazione, la costruzione della credibilità del tuo brand. I numeri fanno parte del suo know-how, ecco perché una volta impostate le campagne, sarà suo compito monitorarne l’andamento, aggiustare il tiro in caso di errori, perfezionare, sperimentare, fino ad arrivare al risultato più soddisfacente per la tua attività.

Qualunque sia il tuo obiettivo di business, i social fanno sicuramente parte degli step vincenti per arrivare in alto e ti consigliamo di integrarli nella tua strategia di marketing affidandoti a dei veri professionisti.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!